Festa della donna, il vero significato

8 Marzo la Festa della Donna

Un fatto da non dimenticare

Da molti viene vissuta come una serata di divertimento commerciale, ormai paragonabile a quella di San Valentino. Quello che in molti dimenticano è che invece questa giornata fu istituita in memoria di un fatto davvero terribile.

Nel 1908 a New York, ci fu lo sciopero delle lavoratrici all'interno dell'industria tessile Cotton. Le operaie protestarono per le pessime condizioni in cui erano costrette a lavorare.


La manifestazione durò alcuni giorni, finché il proprietario Mr.Johnson, chiuse le porte della fabbrica con dentro le operaie. Quel giorno scoppiò un incendio e le 129 donne prigioniere del loro datore di lavoro morirono arse dalle fiamme, era appunto l'8 marzo.

Di quelle 129 donne molte erano immigrate e tra loro c'erano anche alcune donne italiane, donne che cercavano di affrancarsi dalla miseria con il lavoro.
Una donna della politica tedesca, Rosa Luxemburg, propose questa data come una giornata di lotta internazionale, a favore delle donne, proprio in ricordo di questa tragedia.

Quindi non una festa, ma un giorno per riflettere sulla condizione femminile, per proporre nuove idee e migliorare le condizioni di vita della donna: in questo modo la data dell'8 marzo assunse col tempo un'importanza mondiale, diventando il simbolo della condizione femminile subita nel corso dei secoli e il punto di partenza per il proprio riscatto.

Rispondi